30 marzo 2017
Aggiornato 04:30
Politica e Tv

Becchi scatenato tra le urla: «Corriere ipocrita, con euro a due velocità Italia a pu...ne. Salvini nuova prospettiva per il Paese»

Il docente universitario, in passato considerato un ideologo del Movimento 5 stelle si è scagliato contro il giornalista Francesco Verderami, accusando il giornale di aver diffuso notizie false sulla sindaca di Roma. Poi ha parlato di moneta unica e di politica

ROMA – Paolo Becchi scatenato ad Omnibus su La7, dove prima si è scagliato contro il giornalista del Corriere della Sera, Francesco Verderami, accusando il giornale di aver diffuso notizie false sulla sindaca di Roma, Virginia Raggi, poi ha parlato di euro concludendo con un poco accademico, «l'Italia finirà a pu...ne» e infine ha profetizzato la vittoria della Lega Nord di Salvini.

«L'ipocrisia del Corriere della Sera»
Il docente universitario, in passato considerato un ideologo del Movimento 5 stelle, ha spiegato che lui del M5s non ha più intenzione di parlare fino a quando non sarà messo a confronto con Luigi Di Maio o Alessandro Di Battista, ma ha aggiunto di voler dire cosa pensa del Corriere, «è di una ipocrisia unica». Secondo Becchi infatti il giornale di via Solferino ha attaccato in maniera «durissima Virginia Raggi», con un articolo a firma di Fiorenza Sarzanini, «che si becca gli insulti sul blog di Grillo e il giorno dopo per ripagare in maniera del tutto ipocrita fa intervistare la Raggi da Emanuele Buzzi». Una vicenda «ridicola», ha scandito più volte il professore con Verderami che ha provato a ribattere chiedendo che il suo giornale non venisse offeso.

«Con l'euro a due velocità l'Italia a pu...ne»
Quindi la discussione è passata alla globalizzazione, che spesso viene definita irreversibile. Nulla di più falso ha argomentato Becchi spiegando che l'unica cosa irreversibile a questo mondo «è la morte celebrale». L'accademico ha detto: «Siamo entrati in un periodo in cui la globalizzazione sta diventando reversibile. Non lo volete capire? Ne pagherete le conseguenze, come pagherete le conseguenze che dell'euro non si poteva parlare e ora si parla di euro a due velocità». Ma «con le due velocità ce lo metteranno in quel posto» ha aggiunto il professore, che ha usato l'esempio dei treni per chiarire cosa significa euro a due velocità: «Prendete l'alta velocità da Roma a Milano. Funziona benissimo, tutto il resto? A pu...ne!».

La svolta di Salvini
Infine il professore genovese ha parlato di politica italiana: «Il centrodestra è irrilevante? Vi torna comodo dire irrilevante, ma irrilevante sicuramente sarà Berlusconi, al momento. Aspettiamo a vedere cosa succede a Bruxelles e le cose potrebbero cambiare». Poi l'endorsement al Carroccio di Salvini: «Martedì scorso Salvini a Milano ha aperto una nuova prospettiva nel Paese: una Lega nazionale per l'indipendenza dell'Italia, non più della Padania. Si tratta di diventare finalmente un Paese sovrano con una propria moneta e con una propria linea politica indipendente».