26 maggio 2017
Aggiornato 11:30
Affluenza a rischio

Primarie Pd, l'appello di Renzi: «Andate a votare e andiamo avanti, insieme»

Alla vigilia delle primarie del Partito democratico l'aspirante segretario lancia un appello rivolto ai suoi sostenitori

L'ex premier, Matteo Renzi. (© ANSA/ALESSANDRO DI MARCO)

ROMA - «Dodici ore per un festival della democrazia che nessuno degli altri ha la forza e il coraggio di organizzare, ma che tutti gli altri sono sempre pronti a criticare». Lo scrive Matteo Renzi sulla enews riferendosi alle primarie del Pd che si svolgeranno domani.

Renzi: Le primarie sono un festival della democrazia
«Discutere, partecipare, votare: questa la forza di chi non ha paura della democrazia", ha continuato l'ex premier rivolgendosi ai suoi sostenitori e aggiungendo che «se guardate i commenti dei politici, dei commentatori, degli opinionisti in queste ore è impressionante il pensiero unico di chi dice: 'Le primarie non servono più'. Ma quelli più contrari di tutti sono di solito quelli che faticano a prendere il voto anche dei parenti».

«Vogliono togliervi il potere di decidere»
Per Renzi «sta accadendo una cosa semplice, amici»: vogliono toglierci anche le primarie. Vogliono toglierci la possibilità di selezionare la classe dirigente, perché per molti di loro «è meglio fare una bella operazione costruita a tavolino in un salotto», con un blog, con tre editoriali e due rilanci di agenzia. «Vogliono evitare che possiate decidere voi. E dunque dicono che se solo un milione di persone domani andrà a votare, sarà un flop».

«Domani voteranno 1 milione di persone»
Ma coloro che parlano di flop, ha rilevato, «ignorano che un milione di persone che vanno a votare rappresentano una forza straordinaria, strepitosa». E che nel mondo «è difficile trovare esperienze così belle. Ma noi raccogliamo la sfida, amici: facciamo di tutto - è l'invito arrivato da Renzi - perché si possa superare questa cifra». Perché si possa essere in tanti a decidere. Non lasciate la politica a chi non si misura con i voti, ma prova a riportare tutto nelle segrete stanze: è l'appello dell'ex premier.

«La democrazia è un valore che non si baratta»
Secondo Renzi le primarie «restituiscono potere ai cittadini. Non agli accordi di potere tra gruppi dirigenti» e rilancia: «Scegliete voi chi deve guidare il partito, la città, il Paese. Scegliete voi, nessun altro. Il mio appello - anche nel confronto su SKY - è stato innanzitutto per andare a votare». Domani si vota dalle 8 alle 20 in tutta Italia. L'ex sindaco di Firenze non dimentica di ringraziare i volontari, poi prosegue: «Difendo le primarie perché la democrazia interna è un valore che non si baratta con niente. E difendo le primarie perché penso che una politica senza voti, una politica fatta solo di veti, non è politica». Dopo un ultimo, accorato appello per andare a votare Renzi conclude: «Andiamo avanti, avanti insieme. Senza parlare male degli altri candidati, ma raccontando quale idea abbiamo per l'Italia di domani».