25 maggio 2017
Aggiornato 01:00
Fratelli d'Italia

Meloni: «Il governo dà ai poveri italiani 1,2 miliardi, ai clandestini 4,6»

Il presidente di Fratelli d'Italia: «L' 11,9% delle famiglie italiane è in gravi difficoltà economiche. Questa gente vuole ritrovarsi le barricate per strada? Perché continuando così le avrà presto»

Il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni (© ANSA/CLAUDIO ONORATI)

ROMA - «L' 11,9% delle famiglie italiane è in gravi difficoltà economiche. Lo ha dichiarato oggi il direttore dell'Istat in audizione alle commissioni Bilancio di Camera e Senato. Peccato che non ci sia 'peggior sordo di chi non voglia sentire', e che il Governo abbia deciso di destinare 4,6 miliardi all'accoglienza dei clandestini e solo 1,2 miliardi per gli italiani poveri. Questa gente vuole ritrovarsi le barricate per strada? Perché continuando così le avrà presto». Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni.

M5s: Istat certifica errori di questo governo 
Anche i deputati del Movimento 5 stelle sono intervenuti sull'argomento. «I dati Istat diffusi oggi in audizione sul numero di famiglie che si trovano in situazione di grave depravazione nonché quelli relativi alla situazione attuale del mondo del lavoro, sono molto allarmanti e mettono in evidenzia quanto siano state sbagliate le politiche messe in campo sia da questo governo, che da quelli precedenti». Lo affermano i portavoce M5s della Commissione Lavoro del Senato, Nunzia Catalfo, Sara Paglini e Sergio Puglia.

La soluzione è il reddito di cittadinanza
«Per quanto riguarda la situazione delle famiglie è emerso, infatti che sono più di 7 milioni le persone che sono in seria difficoltà economica. Inoltre, ci sarebbero ancora troppi minori, ovvero, ben 1.250.000 che vivono in povertà. E non ci sono nemmeno notizie positive per le persone anziane - proseguono - che tra il 2015 e il 2016 si sono viste ulteriormente impoverite passando dal 8,4% al 11%. Categorie che con il reddito di cittadinanza del MoVimento 5 Stelle sarebbero completamente tutelate».