1 maggio 2017
Aggiornato 06:00
L'eterna crisi italiana

Caporetto 1917, Roma 2017. L'Italia come cento anni fa

La rotta di Caporetto fu dovuta ad una classe dirigente incapace ed egocentrica, supportata da mezzi di comunicazione di massa proni e servili. A distanza di un secolo le evidenti analogie di una crisi senza fine

La disfatta italiana a Caporetto, 1917, e a fianco l'ex premier Matteo Renzi e l'attuale primo ministro Paolo Gentiloni (© DiariodelWeb.it)

ROMA - In un bel libro scritto dallo storico Angelo d’Orsi, 1917 L’anno della rivoluzione (Editori Laterza), sono raccontati gli eventi che sconvolsero il mondo in quell’anno fatidico, i cui riverberi giungono fino ai nostri giorni. La presa da parte dei bolscevichi del Palazzo d’inverno, l’apparizione mariana di Fatima, Matha Ari fucilata a Parigi, la dichiarazione di Balfour che aprì la via alla costituzione dello stato di Israele, e soprattutto la Prima guerra mondiale, che trova il suo apice distruttivo nella disfatta di Caporetto. Un libro da leggere, se si vogliono vedere le radici di un passato creduto sepolto che invece continuano crescere e ad espandersi nel presente.

Caporetto, ottobre 1917
Il 24 ottobre cadrà il centenario della sconfitta più dura patita dell’Italia nella sua storia, e tracciare un parallelo tra oggi e ieri può dare un’idea di cosa ci aspetta nel prossimo futuro. L’Italia, allo scoppio della Prima guerra mondiale, è molto più debole di Francia, Germania e Inghilterra: esattamente come oggi. Privi di una reale forza economica, entravamo nell'era dell'industrializzazione privi di una reale borghesia. L’Italia si confronta però non con le grandi nazioni dell'epoca, ma con l’impero austro-ungarico, un avversario anch’esso arretrato che porta avanti una guerra d’altri tempi, priva di tecnologia e fiaccato dalle batoste prese dai russi. Gli italiani dal 1915 in avanti attaccano senza sosta lungo la linea dell’Isonzo, nel tentativo di prendere Trieste. Undici attacchi che vengono sempre bloccati: muoiono centinaia di migliaia di uomini.

Cosa ha rappresentato la sconfitta di Caporetto
Caporetto è la dodicesima battaglia sull’Isonzo, ma questa volta ad attaccare furono gli austriaci, supportati dai tedeschi che, differentemente da austriaci e italiani, hanno una forte componente tecnologica. Caporetto, e la sua disfatta, sono l’invasione dei tedeschi dell’Italia, che ipotizzano durante l’avanzata di poter raggiungere perfino Milano e l’intera pianura padana. L’esercito perde 40.000 soldati, mentre altri 350.000 sbandano. I profughi civili sono oltre un milione. Al termine della battaglia i tedeschi hanno conquistato 150 km di territorio italiano. La colpa viene data «ai reparti della II armata, ignominiosamente arresisi senza combattere». Questo il pensiero del comando supremo italiano, che scarica le responsabilità di Cadorna, e del suo stato maggiore, sui «vigliacchi», sono parole sempre del comando, che combattono al fronte da anni senza sapere nemmeno il perché. La responsabilità viene data anche a Papa Benedetto XV, che poco tempo prima ha bollato la guerra come «inutile strage», il quale diviene oggetto di un’accusa infamante: disfattismo e connivenza con il nemico. Con lui finiscono anche i socialisti, accusati di fomentare la rivolta in seno alla truppa. Nulla di più falso. Anzi, i socialisti terranno sempre un atteggiamento ambiguo e ben distante dal pacifismo. 

La post verità: Badoglio e Cadorna sapevano e distorcono la realtà
Le testimonianze dirette austriache racconteranno poi la verità: gli italiani hanno combattuto fino all’ultima goccia di sangue, e l’intera responsabilità della disfatta è di Cadorna e dello stato maggiore che hanno mandato al macello truppe prive di armamenti e impreparate. Il comando italiano sa tutto dell’offensiva di Caporetto che tedeschi e austriaci stanno preparando, ma ignora gli avvertimenti sostenendo che «saranno presi imponenti misure difensive». L’ordine è di dimostrare verso la truppa e verso gli italiani «ottimismo».

La propaganda dei giornali
La propaganda sfrutta i giornali e i mezzi di comunicazione per veicolare un messaggio totalmente falso, quella che oggi chiameremmo post verità o bufala. Badoglio e Cadorna distorcono la realtà spudoratamente, il primo giura che «gliele daremo secche, ho tanti cannoni da fracassarli». Farà un’incredibile carriera, e lo ritroveremo l’otto settembre in fuga dopo la firma dell’armistizio. Cadorna invece proclamava: «Vengano pure, li prenderemo prigionieri. E io li manderò a Milano per farli vedere», ma ai suoi ufficiali confida che le linee gli sembrano «antiquate». I giornali del tempo sono tutti allineati sulla linea trionfale di Cadorna. Carlo Emilio Gadda, il grande scrittore, è un sottotenente degli alpini e così scrive nel suo diario sui generali: «Asini, ignoranti e incapaci di analisi». Anche lui, purtroppo, dopo la disfatta di Caporetto non saprà resistere e si scatenerà contro coloro, i sobillatori, che avevano traviato la truppa. Il morale dei soldati è a pezzi, sfiancato da sacrifici, mentre gli alti ufficiali rappresentano una casta distaccata dal mondo reale. L’avanza tedesca si fermerà sulla linea del Piave, dove poi verranno sbaragliati da Armando Diaz l’anno successivo.

Italia, 2017
Le similitudini storiche con i nostri giorni risultano evidenti. Una classe dirigente allo sbando tenta di fronteggiare un’invasione ormai sempre più marcata. Gli eserciti non si compongono più di fanteria e artiglieria, ma di poteri finanziari sovranazionali che tentano di depredare il patrimonio pubblico del paese. La propaganda governativa tende a minimizzare le debolezze del paese e insiste sul fattore «ottimismo» quale unico veicolo per rialzare la testa. Le bugie prodotte dai mezzi di informazione più importanti non illustrano la gravità del momento, e manomettono la realtà esattamente come facevano Cadorna e il suo stato maggiore. Al popolo si chiedono più sforzi, più sacrifici, più impegno: prospettando un futuro radioso e vittorioso. Intanto pezzi strategici dell'economia italiana sono conquistati.

Pezzi di marchi storici italiani svenduti agli stranieri
Si pensi alla continua campagna acquisti da parte di multinazionali stranieri di marchi storici italiani: Telecom, un esempio per tutti. Mediaset, ancora. O la paventata vendita di Magneti Marelli, ma qualcuno sussurra anche Maserati, da parte di Fca per riuscire a salvarsi dai debiti. E come dimenticare la crisi Monte Paschi e soprattutto quella di Unicredit, che va verso un aumento di capitale da brivido. Tutto il fronte economico e sociale italiano pare essere sotto assedio, fiaccato da una classe dirigente inadeguata. Nel 1917, l’anno fatale, fu necessaria la più grave disfatta militare della storia italiana per rimuovere una classe dirigente incapace, crudele e cieca. Cadorna fu destituito e giunse Armando Diaz: sul Piave gli stranieri furono respinti e l’Italia potè recuperare la sconfitta, riconquistando ciò che aveva perso e non solo. A distanza di cento anni da quei tragici eventi, che costarono la vita a centinaia di migliaia di innocenti, l’Italia si trova di fronte ad una nuova battaglia di Caporetto.