Dalle Regioni / Emilia Romagna - Nomine

Flavio Delbono eletto a Bruxelles presidente della Rete delle Regioni di Lisbona

Costituita nel 2004 da tredici (oggi quindici) Regioni europee provenienti da altrettanti diversi Stati membri, la Rete opera attivamente per rafforzare la dimensione regionale della “strategia di Lisbona”

Bologna - Il vicepresidente della Regione Emilia-Romagna Flavio Delbono è stato eletto all’unanimità, oggi a Bruxelles, presidente della Rete delle Regioni di Lisbona (Lisbon Regions Network).

Costituita nel 2004 da tredici (oggi quindici) Regioni europee provenienti da altrettanti diversi Stati membri, la Rete – con sede a Bruxelles – opera attivamente per rafforzare la dimensione regionale della «strategia di Lisbona» (avviata in occasione del Consiglio europeo di Lisbona a marzo 2000 con lo scopo di fare dell’Unione europea l’economia più competitiva del mondo e di pervenire alla piena occupazione entro il 2010). Con l’elezione di oggi Delbono subentra nella carica di presidente a Lotta Finstorp, della Regione di Stoccolma.

Sono partner della Rete delle Regioni di Lisbona Brussels (Belgio), Helsinki (Finlandia), Assia (Germania), Lisbona e Regione della Valle del Tago (Portogallo), Regione Emilia-Romagna, Randstad (Olanda), Stoccolma (Svezia), Riga (Lettonia), Slovenia, Sofia (Bulgaria), Regione Valenciana (Spagna), West Midlands (Regno Unito), Wielkopolska (Polonia), Bratislava (Slovacchia), Aquitania (Francia).

I membri della Rete sono impegnati in progetti europei, incontri, seminari e conferenze su tematiche di particolare interesse per le Regioni partner, creazioni di gruppi di lavoro ad hoc per progetti ed elaborazioni di documenti.

Tra gli obiettivi principali della Rete c’è il contributo all’implementazione della strategia di Lisbona a livello regionale e locale, la partecipazione all’ampio dibattito politico a livello europeo e nazionale, la promozione di un processo di governance a livello europeo e nazionale e la formazione di una piattaforma con l’obiettivo di comunicare le opportunità e le sfide che le politiche regionali devono affrontare nel raggiungimento degli obiettivi di Lisbona.

Seguici sui social network

commenti

Permalink

Altre notizie

Il Premier italiano, Matteo Renzi

Altro che dissidenti: è l'economia ad impantanare Renzi

La strategia del presidente del Consiglio prevedeva due tempi, prima rendere inoffensiva l'opposizione interna e poi cambiare il Paese. Sarebbe andata bene a due condizioni: la gurra lampo e l'economia in ripresa. L'agenda dice che sta perdendo su tutte e due i fronti.

DIARIO TV

Pittella: «Esiste solo la candidatura di Mogherini»

Il capogruppo dei Socialisti e democratici a Bruxelles ha spiegato la posizione del Paese nella partita delle nomine in Europa, sottolinenando che è del tutto «specioso» che certe voci da certi Stati europei - e non solo - parlino della sua presunta incompetenza a guidare la diplomazia europea

Grillo: «Da qui all'8 agosto, c'è in gioco la democrazia di questo Paese. Combineranno delle cose incredibili»

29/07/2014 10:53:52

Errani si dimette: «Non sono un uomo di ferro»

24/07/2014 10:55:04